Le nostre notizie

TRE GIORNI A ROMA SUL RUOLO DELL’UE NELLA COOPERAZIONE FRA PUBBLICO E PRIVATO NEL QUADRO DELLA POLITICA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

 

Si è concluso oggi presso la Camera dei Deputati il convegno internazionale "Public-Private Cooperation in Economic Development and Job Creation", organizzato dal Consiglio Italiano del Movimento Europeo nell’ambito del progetto Ladder promosso da ALDA e sostenuto finanziariamente dalla Commissione europea.


Nella sessione finale moderata dal Presidente del CIME, Pier Virgilio Dastoli sono intervenuti, l’Amb. Pietro Sebastiani (Direttore generale della Cooperazione allo Sviluppo del MAECI), Mariusz Tamborski (DG DEVCO Cmmissione UE), Elly Schlein (Parlamento Europeo), Laura Garavini (Camera dei Deputati), Gea Schirò (Camera dei Deputati), Franco Jacop (Conferenza italiana dei Parlamenti regionali e Comitato delle Regioni), Giuseppe Oliviero (Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa - CNA). Ha chiuso i lavori il Vice presidente del CIME, Fabio Masini che ha tratto le principali conclusione dei tre giorni di lavoro.


Il convegno si era aperto mercoledì 22 mattina, presso il dipartimento di Scienze Politiche, dell’Università di Roma con una sessione dedicata al mediterraneo.  


Il giorno successivo l’iniziativa è proseguita presso la sede nazionale del CNA, ed è stata dedicata ad una serie di riflessioni su come possa essere migliorato il livello di coordinamento di soggetti di varia natura per facilitare il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile adottati dalle Nazioni Unite nel settembre 2015. Ampio spazio è stato anche dato alla presentazione di buone pratiche in campo imprenditoriale, ambientale e di iniziative locali nell’ambito della cooperazione decentrata allo sviluppo.

Qui il link al programma: http://ow.ly/tJvM309aeo8


Per maggiori informazioni sul progetto Ladder: http://www.ladder-project.eu/?p=16797

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo il banner, scorrendo la pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Se vuoi saperne di più vai alla Cookies Policy.