Le nostre notizie

Relazione del comitato di saggi “STATO E PROSPETTIVE DELL’UNIONE EUROPEA”

 

Lunedì 27 febbraio nella Sala della Lupa di Montecitorio è stata presentata la relazione finale del Comitato di saggi sullo stato e le prospettive dell’Unione europea, istituito dalla presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini.


Dopo il saluto introduttivo della Presidente sono intervenuti i componenti del Comitato: Enzo Moavero Milanesi, che lo ha presieduto, il nostro presidente Pier Virgilio Dastoli, le giornaliste della Rai Tiziana Di Simone e Eva Giovannini, il presidente della Gioventù Federalista Europea Simone Fissolo, Enrico Giovannini, ordinario di Statistica economica presso l’Università di Roma "Tor Vergata" e la professoressa di Sociologia dei fenomeni politici all’Università La Sapienza Arianna Montanari.

Il lavoro degli esperti è nato dalla consultazione pubblica online sull’Unione europea, promossa da Laura Boldrini dal 12 febbraio al 31 agosto 2016, a cui hanno preso parte oltre 10 mila persone. La consultazione è stata focalizzata sui temi della Dichiarazione “Più integrazione europea: la strada da percorrere”, sottoscritta il 14 settembre 2015 a Montecitorio dai Presidenti delle Camere Basse di Italia, Francia, Germania e del Parlamento del Lussemburgo, cui si sono successivamente aggiunti i Presidenti di Assemblee parlamentari di altri nove Stati membri dell’Unione Europea per un totale di quindici Presidenti firmatari.

Durante la presentazione, gli Eurosaggi hanno reso noti i risultati della consultazione. Il 77 per cento di coloro che hanno risposto pensa che l’Unione abbia assicurato vantaggi notevoli, tra cui la pace e la stabilità in Europa, la libera circolazione delle persone, maggiori scambi culturali e formativi.
Tuttavia, la maggioranza pensa che l’intervento dell’UE sia stato inadeguato rispetto ad alcuni temi molto rilevanti, come: la gestione dei flussi migratori; il sostegno alla crescita economica e all’occupazione durante la crisi finanziaria globale; la riduzione delle diseguaglianze. Inoltre, tanti considerano che l’Unione debba fare di più nella lotta alla criminalità e al terrorismo internazionali, nonché dotarsi di una reale e visibile politica estera della sicurezza e della difesa. Secondo l’opinione prevalente, per essere più efficace l’Unione dovrebbe avere competenze più chiare e comprensibili e strumenti di azione meno complessi, che consentano un efficace coordinamento fra gli Stati membri attraverso decisioni più trasparenti e democratiche. Il 68,7 per cento dei rispondenti osserva che, a tal fine, andrebbe cambiato il sistema dell’Unione Europea, evolvendo verso un sistema federale.

La relazione si articola in quattro parti. Nella prima sono richiamati alcuni fra i principali risultati conseguiti nella costruzione europea nel corso degli ultimi sessant’anni e si analizza lo stato attuale dell’Unione sul piano economico, sociale e politico. La seconda parte è dedicata al tema dell’identità europea, che esiste e della quale non sempre ci rendiamo pienamente conto; vengono avanzate proposte, molto concrete e praticabili, per rendere questa identità comune più percepibile e rafforzarla. La terza parte affronta le sfide che le cittadine e i cittadini che hanno risposto alla consultazione segnalano come più urgenti e rispetto alle quali vorrebbero vedere più efficaci iniziative dell’Unione: sono proposte alcune piste concrete al fine di propiziare valide soluzioni che non richiedono modifiche dei Trattati vigenti. La quarta parte, infine, sintetizza i principali inconvenienti dell’attuale sistema dell’Unione e nel dichiarare un’esplicita preferenza per la creazione di una Comunità federale, propone un possibile percorso che sia davvero coinvolgente per la pubblica opinione nei vari Stati e nelle loro regioni, nonché per le rispettive istanze della democrazia rappresentativa e per quelle dell’attuale Unione.

Relazione finale STATO E PROSPETTIVE DELL’UNIONE EUROPEA

Final Report STATE AND PROSPECTS OF THE EUROPEAN UNION

Rapport final ÉTAT ET PERSPECTIVES DE L’UNION EUROPÉENNE CHAMBRE DES DÉPUTÉS

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo il banner, scorrendo la pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Se vuoi saperne di più vai alla Cookies Policy.